ARMENIA - Yerevan

Viaggio di Gruppo - Viaggio nel Caucaso

  • Volo + Tour , Tour di gruppo
  • 9 giorni / 8 notti
  • Pensione completa

L’Armenia è una scoperta affascinante ed una continua sorpresa per il viaggiatore! L'Armenia è un piccolo paese, isolato su di un altipiano tra il Mar Nero ed il Mar Caspio, dove le difficoltà e le tragedie non hanno lasciato alcun desiderio di vendetta ma solo una vena di tristezza ed una grande dignità. Il suono straziante ma melodioso del Doudouk, un piccolo flauto a due ulne che accompagna le canzoni armene, è il ricordo che si riporta da questo Paese, assieme all’interesse della sua storia. Questo itinerario unisce l'Armenia e la Georgia; la Georgia racchiude tesori straordinari nelle chiese e nei complessi rupestri risalenti alla preistoria. Le celebrazioni della Pasqua ortodossa sono una splendida occasione per questo viaggio per entrare in contatto con la cristianità del paese.

Dettagli

Programma di viaggio

1° giorno: Italia/Yerevan
Partenza dai vari aeroporti italiani collegati per Yerevan con volo di linea. Arrivo in nottata e trasferimento in hotel. Pernottamento.

2° giorno: Yerevan
Prima colazione e partenza per la regione di Kotayk; arrivo alla fortezza ellenistica di Garni racchiusa dentro un muraglione difensivo alto 300 metri; comprendeva 14 torri e un'entrata abbellita da un arco. All'interno ci sono le terme romane, oggi parzialmente coperte da una moderne struttura. Il tempio oggi ricostruito e dedicato a Elio, il Dio Sole dei romani, fu edificato dal re armeno Tiridate I nel I sec. Si prosegue alla volta del monastero di Gheghardt, ubicato in un profondo e spettacolare canyon. E' la più antica chiesa rupestre e risale al VII secolo. Seconda colazione in corso di viaggio. Nel tardo pomeriggio rientro a Yerevan. Cena e pernottamento.

3° giorno: Yerevan
Prima colazione. Partenza verso la regione dell'Ararat e mattinata dedicata all visita del monastero di Khor Virap, situato in una valle a sud della città alle cui spalle si erge, maestoso, il monte Ararat. La leggenda vuole che qui San Gregorio sia rimasto imprigionato per 12 anni in un pozzo perchè praticava il cristianesimo. La storia racconta che Gregorio venne tirato fuori dal posso dal re Tiridate III nel 303. Seconda colazione in corso di visite. Proseguimento per la regione di Vayots Dzor, con visita al bellissimo monastero di Noravank. Rientro a Yerevan, cena e pernottamento.

4° giorno: Yerevan
Prima colazione. La giornata si apre con la visita a Echmiadzin (discesa del vero Dio) cuore religioso della nazione, centro spirituale della Chiesa Armena e sede del Katolicos, la più alta autorità religiosa del paese. All’interno è custodita la "Lancia Sacra" e un frammento dell’Arca di Noè. Si prosegue con la visita alle chiese di Santa Hripsime, costruita nel 618 nel luogo dove si dice che Hripsime sia stat uccisa dopo aver rifiutato di sposare il re Tiridate III per rimanere fedele alla propria religione; sosta anche alla chiesa di Santa Gayane. Sulla via del ritorno visita alle rovine della chiesa di Zvartnots particolarmente famosa per le sue peculiarità architettoniche. Rientro a Yerevan e seconda colazione. Nel pomeriggio tempo a disposizione. Cena e pernottamento.

5° giorno: Yerevan/Tbilisi
Prima colazione. Partenza per il Lago Sevan, posto a 2000 metri sopra il livello del mare. E' uno dei più vasti laghi di montagna al mondo. Sosta al celebre cimitero di Noraduz, ricchissimo di preziosi Khatchkar. Lasciato il lago per le rigogliose montagne di Dilijan si visita il monastero di Hagbat (sito Unesco). Seconda colazione. Nel pomeriggio passaggio del confine ed arrivo a Tbilisi. Cena e pernottamento.

6° giorno: Tbilisi
Prima colazione. Giornata dedicata alla visita della capitale della Georgia. Si inizia dalla Cattedrale di Sioni, risalente al VII secolo, per poi salire al colle per la visita dellla Fortezza di Narikala (IV sec), una delle fortificazioni più antiche della città; visita alle alle Terme Sulfuree con le cupole costruite con mattoni a vista. Dopo la seconda colazione visita ai tesori esposti al Museo Statale Georgiano (chiuso il lunedi), per finire con una passeggiata lungo il Corso Rustaveli, la strada principale di Tbilisi. Cena e pernottamento.

7° giorno: Tbilisi / Gudauri
Prima colazione. Al mattino partenza per la visita dei monumenti architettonici di Mtskheta, capitale dell’antica Iberia situata alla confluenza dei fiumi Mtkvari e Aragvi. Si inizia dalla Chiesa di Jvari, resti dell’antico monastero abitato dai monaci. Si prosegue per il sito di Mtskheta, la Cattedrale di Svetitskhoveli, dove la tradizione vuole sia sepolta la tunica di Cristo: sorge sui ruderi di una basilica distrutta nel X secolo. Alla fine della visita trasferimento al monastero femminile di Samtavro e proseguimento per Uplistsikhe, la città delle caverne (I millennio a.C.). Qui troviamo una grande sala antica per i riti pagani, varie stanze ed una chiesa del IX sec. Lungo il percorso sosta ala città di Gori, cuore della regione di Kartli (visita dall’esterno del Museo di Stalin, della sua casa natale e la carrozza militare). Prima dell’arrivo a Gudauri, sosta al complesso architettonico delle due chiese e della Fortezza di Ananuri (XVI – XVIII sec.). Pranzo in corso di escursioni. Cena e pernottamento in albergo.

8° giorno: Gudauri / Tbilisi
Prima colazione. Una bellissima strada da Gudauri lungo il fiume Tergi porta a Kazbegi, la città principale della regione. Da Kazbegi una salita tranquilla di un'ora e mezza (circa 4/5 lm) per valli magnifiche e boschi stupendi conduce alla chiesa della Trinità di Gergeti, situata ad una altezza di 2170 metri. Pranzo pic nic. Rientro a Tbilisi, cena in ristorante e pernottamento.

9° giorno: Tbilisi/Italia
In primissima mattinata trasferimento in aeroporto e partenza con volo di linea.

Date e prezzi
Prezzo
Incluso/Escluso

La quota comprende:
- Voli internazionali di andata e ritorno con Austrian Airlines/Lufthansa in classe economica o altra compagnia Iata
- Tutti i trasferimenti
- Visite indicate e gli ingressi menzionati
- Guide locali parlanti italiano
- Sistemazione negli alberghi indicati o similari
- Trattamento pasti come specificato
- Accompagnatore al raggiungimento dei 20 partecipanti
- Percentuali di servizio

La quota non comprende:
- Quota gestione pratica che comprende assicurazione medico, bagaglio, annullamento 95 euro a persona
- Tasse aeroportuali
- Le bevande, le mance e le spese a carattere personale,
- Tutto quanto non incluso alla voce "La quota comprende"

Appunti di Viaggio

DOCUMENTI
È necessario che il passaporto abbia validità residua di almeno 2 mesi.

Dal 10 gennaio 2013 non è più necessario il visto d’ingresso per un periodo massimo di 180 giorni nell’arco di 12 mesi.

Viaggi all'estero di minori
dal 26 giugno 2012 tutti i minori italiani che viaggiano dovranno essere muniti di documento di viaggio individuale. Pertanto, a partire dalla predetta data i minori, anche se iscritti sui passaporti dei genitori in data antecedente al 25 novembre 2009, dovranno essere in possesso di passaporto individuale.

Ricordiamo che la mancata partenza per documento non in regola comporta la perdita totale della quota.

FUSO ORARIO
Lancette in avanti di 3 ore.

CLIMA E ABBIGLIAMENTO
L'Armenia è un paese montagnoso: il 90% del territorio raggiunge un'altitudine di 1000 metri sul livello del mare. Da aprile a giugno, da fine agosto ad ottobre (mese normalmente incantevole per un viaggio in Armenia) i periodi migliori per visitare il paese. A luglio ed agosto si raggiungono i 35/40°C. L'inverno è freddo e l'autunno di breve durata, il verde della natura è un aspetto tipico della primavera soltanto. È consigliabile un abbigliamento casual, scarpe comode, qualcosa di pesante per le serate in aree montane, anche in estate. 

LINGUA

La lingua ufficiale è l'Armeno fa parte delle lingue indoeuropee, possiede un alfabeto proprio creato per tradurre la Bibbia. Molti sono oggi i dialetti, ma la lingua della capitale è la più diffusa. Parlati da molti il francese e l'inglese.

MONETA
La moneta armena è il Dram. 1 Euro circa 750 Dram. Al cambio attuale (Febbraio 2013) 1 Euro corrisponde a circa 550 Dram Carte di credito generalmente accettate. La valuta straniera si cambia facilmente, ma è consigliabile portare con sé dollari americani, possibilmente di piccolo taglio e successivi al 91. Le banconote rovinate non vengono accettate. L'euro viene comunemente cambiato.

ELETTRICITA'
220 volt. È consigliabile portare con sé un adattatore; le prese sono generalmente a due lamelle tonde. 

TELEFONO
Il prefisso dell'Armenia è 00374 + 2 per chiamare Erevan. Per telefonare in Italia 39+ prefisso e numero richiesto. Gli hotel applicano normalmente costi abbastanza alti per chiamate internazionali.

VACCINAZIONI
Non sono richieste vaccinazioni particolari. Consigliamo di portare con sé i medicinali personali, un piccolo pronto soccorso, assorbenti femminili. Importante è non bere acqua che non sia imbottigliata.

MANCE
Le mance non sono incluse nel pacchetto di viaggio. È pratica comune e molto apprezzata lasciare la mancia alle persone che contribuiscono a rendere piacevole il vostro viaggio. Si suggerisce di prevedere una somma di 30 euro a persona da consegnare alla guida che provvederà a distribuire equamente l'importo a tutto il presonale: autista, facchini, camerieri e staff degli hotel ( di 40 euro nel tour combinato Armenia/Georgia, da suddividere tra i due paesi)

SHOPPING
I negozi sono aperti dalle 9 alle 19 o dalle 10 alle 22. Tra i prodotti dell'artigianato molti sono quelli di buona qualità e costo contenuto: dal legno intagliato agli oggetti in ossidiana - molto diffusa - al lino, ai tessuti lavorati a mano.

CUCINA

Ottima e varia la cucina armena è assai vicina a quella dei paesi mediorientali. Numerosi sono gli antipasti - "meza", dalla carne speziata ai piatti di verdure, con gran uso di lenticchie e melanzane. Immancabili le foglie di vite ripiene di carne, riso e spezie, i piatti a base di formaggio fuso ( ottimo il "lavash", pane armeno speciale ripieno di formaggio). Molte e buone le zuppe. I piatti a base di carne, marinata, shish khebab (chiamato anche khorovadz), agnello, pollo con riso, si alternano a quelli di pesce. Molto usato lo yogurt. Tra i dolci la raffinatezza giunge sino alla preparazione di marmellate di petali di rosa. L'Armenia è ricca di frutti,dalle noci (famoso è il Pakhkavà, di noci e pistacchi) alle pere, dai melograni alle fragole, ma è l'albicocca il frutto più diffuso e ritenuto cura fondamentale contro le malattie di cuore. Più di 40 tipi d'uva crescono sull'intero territorio: ottimi sono i vini, ma conosciutissimo è il cognac, invecchiato fino a 50 anni: tra le marche famose Nairi, Vaspouraklan, Ararat, Ani. Per fegato e reni le acque minerali armene sono riconosciute come un vero toccasana.

MUSICA, LETTURA E FILM
Due classici di Aram Khachaturian, nato in Georgia ma di origina armena, la famosa Danza delle Sciabole e il balletto Spartacus. Nell'ambito folk Jvan Gasparyan, virtuoso dell'antichissimo "duduk", simile all'oboe e ottenuto da legno d'albicocco, uno degli alberi più diffusi in armenia. Famoso per le colonne sonore dei film Il Corvo e Il Gladiatore. Per i cinefili è Sayat-Nova (Il colore del melograno) di Segej Paradzhanov, risalente al 1969 un' indiscussa icona del cinema armeno. Tra i film recenti va ricordato sicuramente Ararat di Atom Egojamìn del 2002. Tra le letture da non perdere Viaggio in Armenia del poeta russo Osip Mandelstam e La masseria delle Allodole di Antonia Arlsan, scrittrice italo-armena.


Mappa

Vuoi maggiori informazioni su questa offerta?

Compila il modulo qui sotto e ti contatteremo per creare insieme il tuo viaggio


Riferimenti contatto


Tutto quello che vuoi raccontarci (domande, richieste particolari, altro...)


Newsletter X

Non perderti le migliori offerte della settimana!
Lascia qui la tua email per ricevere ogni settimana le offerte più interessanti e uniche!